Pizza di Pasqua al formaggio

Pizza-di-pasqua-al-formaggio

Pizza di Pasqua al formaggio

La ricetta della pizza di Pasqua al formaggio è tipica di alcune regioni del centro Italia, in particolare Umbria e Marche. Noi l’abbiamo imparata a conoscere grazie a dei vicini di casa, che essendo di origine umbra la preparano tutti gli anni in questo periodo. E la ricetta di questa pizza di Pasqua al formaggio arriva proprio da loro.

Pizza-di-pasqua-al-formaggio

La tradizione vuole che la pizza di Pasqua al formaggio venga mangiata il giorno di Pasqua durante la colazione. Ne esistono due versioni, una dolce (che si accompagna al cioccolato) e una salata, quella che vi proponiamo, che viene mangiata accompagnata da salumi.
Se non volete iniziare la giornata gustando questa delizia a colazione (o se come noi preferite alzarvi e mangiare qualcosa di dolce…) potete servire la pizza di Pasqua al formaggio come antipasto accompagnata da salumi misti e qualche oliva.

Pizza-di-pasqua-al-formaggio

Noi abbiamo preparato la pizza di Pasqua al formaggio con la macchina del pane, usandone poi il cestello anche per la cottura, dandole così una forma a bauletto, che a noi piace particolarmente. La vera pizza di Pasqua al formaggio ha invece una forma simile a quella di un panettone (in commercio esistono anche degli appositi stampi).

Pizza-di-pasqua-al-formaggio

5.0 from 5 reviews

Pizza di Pasqua al formaggio
 
Prep.
Cott.
Tot.
 
Autore:
Tipo: Pane
Cucina: Italiana
Porzioni: 8
Ingredienti
  • 600 g di farina
  • 200 ml di latte
  • 3 uova
  • 50 g di burro ammorbidito
  • 25 g di lievito di birra
  • ¼ di bicchiere di vino bianco
  • 7 chiodi di garofano
  • 8 g di sale
  • 100 g di parmigiano grattugiato
  • 50 g di pecorino grattugiato
  • 50 g di groviera grattugiato Pizza-di-pasqua-al-formaggio
Istruzioni
  1. Fate bollire il vino assieme ai chiodi di garofano. Eliminate i chiodi di garofano e lasciate raffreddare.
  2. Nel frattempo scaldate leggermente il latte e scioglieteci il lievito di birra sbriciolato. Lasciate riposare per 10 minuti in modo da far attivare il lievito.
  3. Nel cestello della macchina del pane, mettete la farina setacciata assieme al sale. Aggiungete il latte con il lievito, le uova intere e il vino bollito e iniziate la lavorazione. Quando si inizia a formare l’impasto unite il burro ammorbidito diviso a pezzetti. Quando il burro sarà amalgamato aggiungete i formaggi grattugiati. Fate lavorare il tempo necessario a ottenere un impasto liscio e ben incordato.
  4. Fate lievitare al caldo fino al raddoppio del volume. Noi l’abbiamo lasciata all’interno dello stampo della macchina del pane, altrimenti potete usare l’apposito stampo.
  5. Cuocete alla temperatura di 180/200°C per circa 1 ora. Noi abbiamo cotto la pizza di Pasqua al formaggio all’interno della macchina del pane a media temperatura.
  6. Lasciate raffreddare completamente prima di sformare. Pizza-di-pasqua-al-formaggio

 

Pasta con fave e ricotta

Pasta-con-fave-e-ricotta

Pasta con fave e ricotta

La pasta con fave e ricotta è un piatto semplice e gustoso che abbiamo scoperto proprio in questi giorni, in modo quasi casuale… quello avevamo in frigo e dovevamo smaltire! Incuriositi poi dalla nostra “scoperta” abbiamo curiosato un po’ su Internet e sembra che la pasta con fave e ricotta sia un piatto di origine siciliana.
Questa pasta con fave e ricotta ci è piaciuta così tanto che l’abbiamo già rifatta e sicuramente la prepareremo anche per qualche amico che passerà da queste parti per cena. Ha un gusto così delicato che conquista.

Pasta-con-fave-e-ricotta

Per preparare questo piatto di pasta con fave e ricotta ho deciso di provare a spellare le fave e il risultato è stato ottimo. Non sapevo prima di questa prova che le fave si sbucciassero, infatti fino a ora le avevamo sempre cucinate con la buccia: buone sì, certo, ma il colore lasciava decisamente a desiderare… soprattutto per le foto. Con la cottura, infatti, la buccia delle fave tende a diventare di colore grigio (proprio non troppo fotogenica). Sbucciandole, invece, mantengono un bellissimo colore verde acceso. Certo, ci vuole un po’ di tempo in più per prepararle (compensato però dai tempi ridotti di cottura) e la quantità si riduce notevolmente, ma ne vale davvero la pena.

Pasta-con-fave-e-ricotta

5.0 from 7 reviews

Pasta con fave e ricotta
 
Prep.
Cott.
Tot.
 
La pasta con fave e ricotta è un piatto semplice preparato con uno degli ingredienti principali della stagione primaverile: le fave.
Autore:
Tipo: Primo piatto
Cucina: Italiana
Porzioni: 2
Ingredienti
  • 140 g di spaghetti
  • 125 g di fave sgusciate
  • 3 cucchiai di ricotta di mucca
  • porro
  • olio evo
  • origano
  • sale
  • pepe Pasta-con-fave-e-ricotta
Istruzioni
  1. Sbollentare le fave in acqua bollente per 40 secondi. Scolarle e passarle in acqua fredda. A questo punto potete facilmente privarle della pelle esterna. Pasta-con-fave-e-ricotta
  2. In una padella scaldare due cucchiai d’olio con il porro tagliato sottile. Far soffriggere.
  3. Aggiungere le fave spellate e far cuocere per 5 minuti unendo un po’ di acqua calda. Aggiustare di sale.
  4. Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata.
  5. Nel frattempo mettere 3 cucchiai di ricotta in una ciotola e aggiungere l’origano e una spolverata di pepe. Con una forchetta schiacciare la ricotta eliminando tutti i grumi. Ammorbidire aggiungendo un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta.
  6. Scolare la pasta al dente e metterla nella padella con le fave. Ultimare la cottura e aggiungere la ricotta uniformando bene gli ingredienti. Pasta-con-fave-e-ricotta

 

Crema catalana

Crema-catalana

Crema catalana

La crema catalana, come ben suggerisce il suo nome, è un dolce tipico della Catalogna, ma a ben guardare è oramai divenuto uno dei dolci più internazionali che ci siano. Vi sarà infatti capitato spesso di leggere la crema catalana nella lista dei dolci o di sentirla elencata tra i dolci fatti in casa in molti ristoranti.
La particolarità che ha reso la crema catalana così famosa e apprezzata in tutto il mondo è il suo caratteristico contrasto tra la superficie calda e croccante e l’interno freddo e morbido.

Crema-catalana

Questo contrasto di consistenze e temperature ricorda molto la crème brulée francese (della quale potete trovare qui una variante al limone), della quale si ritiene la crema catalana sia l’antenata. Ciò che maggiormente distingue i due dolci è il metodo di cottura: la crema catalana è infatti cotta sul fuoco mentre la crème brulée è cotta a bagnomaria. Ma non solo… anche gli ingredienti sono diversi: nella crema catalana si usa il latte e la maizena, nella crème brulée la panna e nessun tipo di farina o addensante.

La tradizionale crema catalana è aromatizzata con la cannella, ma noi l’abbiamo omessa perché in casa non a tutti piace. Sulla superficie abbiamo messo un pizzico di polvere di vaniglia.

Crema-catalana

5.0 from 12 reviews

Crema catalana
 
Prep.
Cott.
Tot.
 
La crema catalana è un tipico dolce al cucchiaio caratterizzato dal contrasto tra la superficie croccante e l’interno cremoso.
Autore:
Tipo: Dolce
Cucina: Spagnola
Porzioni: 6
Ingredienti
  • 1 l di latte intero
  • 80 g di zucchero
  • 60 g di maizena
  • 8 tuorli
  • buccia di ½ limone
  • zucchero per caramellare
  • vaniglia in polvere
Istruzioni
  1. Portate a ebollizione il latte assieme alla buccia del limone.
  2. Nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto chiaro, gonfio e spumoso.
  3. Incorporate, poco alla volta, la maizena setacciata.
  4. Aggiungete il latte bollente a filo (facendolo passare attraverso un colino) e mescolando di continuo rimettete sul fuoco e continuate la cottura per altri 5 minuti in modo da far addensare il composto.
  5. Versate la crema negli appositi contenitori in terracotta e lasciate intiepidire a temperatura ambiente.
  6. Conservate le coppette di crema catalana in frigo, coperte da pellicola, fino al momento dell’utilizzo.
  7. Cospargete la superficie con una spolverata di vaniglia in polvere e dell’abbondante zucchero (meglio se di canna). Bruciate con l’apposita fiamma (in alternativa potete passate in forno mettendo con la crema molto vicina al grill).  Crema-catalana

 

Pasta con ragù vegetariano

Pasta-con-ragù-vegetariano

Pasta con ragù vegetariano

Questa pasta con ragù vegetariano dà un saluto all’autunno e un caldo benvenuto alla primavera. Ho preparato infatti questo primo piatto unendo la zucca gialla (verdura tipicamente autunnale) alle primizie primaverili (principalmente le fave).

Pasta-con-ragù-vegetariano

La pasta con ragù vegetariano è un primo piatto saporito che può essere preparato con qualsiasi tipo di verdura, ad esempio con le sole zucchine oppure con i peperoni e le melanzane quando sarà il periodo.
Per preparare questa pasta con ragù vegetariano ho usato la pasta tricolore fatta in casa per dare una nota di colore in più al piatto :-)

Pasta-con-ragù-vegetariano

5.0 from 2 reviews

Pasta con ragù vegetariano
 
Prep.
Cott.
Tot.
 
La pasta con ragù vegetariano è un piatto molto saporito che potrete preparare con tutte le verdure di stagione.
Autore:
Tipo: Primo piatto
Cucina: Italiana
Porzioni: 4
Ingredienti
  • 320 g di pasta tricolore fatta in casa
  • 60 g di spinaci freschi
  • 100 g di bietola fresca
  • 150 g di zucca gialla
  • 2 zucchine
  • 10 fave fresche
  • 200 g di verza
  • 2 pomodori maturi
  • 1 carota
  • 1 costa di sedano
  • ½ cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 bicchiere di brodo vegetale
  • olio evo
  • sale
  • pepe Pasta-al-ragù-vegetariano
Istruzioni
  1. Preparate un battuto con la cipolla, l’aglio, il sedano e la carota. Soffriggete per alcuni minuti un un fondo d’olio.
  2. Aggiungete gli spinaci, la bietola (privata della costola), la zucca a dadini, le due zucchine tagliate a rondelle, il cavolo verza tagliato fine e i pomodori divisi a metà.
  3. Stufate per alcuni minuti poi aggiungete il brodo e portate a cottura.
  4. Qualche minuto prima che la cottura sia ultimata, aggiungete le fave private della buccia (rimarranno belle verdi).
  5. Aggiustate di sale e pepe.
  6. Scolate la pastra tricolore che nel frattempo avrete cotto in abbondante acqua salata e saltate in padella assieme al ragù vegetale.
  7. Servite la pasta con ragù vegetariano con grana grattugiato. Pasta-al-ragù-vegetariano

 

 

Pasta tricolore fatta in casa

Pasta-tricolore-fatta-in-casa

Pasta tricolore fatta in casa

Sono sempre stata affascinata dalla pasta tricolore con i suoi bei colori vivaci, ma a parte le tagliatelle “verdi” delle famosissime paglia e fieno non l’avevo mai assaggiata. Tante volte mentre preparavamo la pasta fatta in casa dicevo a Tommaso quanto fossi curiosa di provare a preparare della pasta colorata e così alla fine ci siamo decisi a realizzare la pasta tricolore fatta in casa.

Pasta-tricolore-fatta-in-casa

Sinceramente pensavo che fosse più difficile trovare le giuste consistenze, invece è stato più facile del previsto…
Noi abbiamo optato per una pasta tricolore con impasto a base di uova, ma ovviamente potete decidere di farla senza uovo aggiungendo dell’acqua fino a raggiungere la giusta consistenza.

5.0 from 5 reviews

Pasta tricolore fatta in casa
 
Prep.
Cott.
Tot.
 
Questa triplice ricetta vi consentirà di preparare della pasta tricolore all’uovo. Se volete potete però sostituire le uova con l’acqua per ottenere della semplice pasta tricolore fatta in casa.
Autore:
Tipo: Primo piatto
Cucina: Italiana
Porzioni: 12
Ingredienti
Per la pasta “bianca”
  • 200 g di farina di semola
  • 2 uova
  • sale
Per la pasta “verde”
  • 200 g di spinaci freschi
  • 200 g di farina di semola
  • 1 uovo
  • sale
Per la pasta “rossa”
  • 3 cucchiai di concentrato di pomodoro
  • 250 g di farina di semola
  • 2 uova
  • sale
Istruzioni
  1. Cominciamo con la preparazione della pasta “bianca” impastando farina e uova con l’aggiunta di un pizzico di sale. Unire qualche cucchiaio d’acqua nel caso l’impasto dovesse risultare troppo duro. Conservare la pasta in luogo fresco per una mezz’ora.
  2. Passiamo poi alla preparazione della pasta “verde”. Lavare bene gli spinaci e lessarli in abbondante acqua salata. Scolare tutta l’acqua in eccesso strizzando bene le foglie. Sminuzzare grossolanamente gli spinaci e frullarli in modo da ottenere una salsa. Far raffreddare completamente.
  3. Impastare la farina con l’uovo aggiungendo la salsa di spinaci e un pizzico di sale. Uniformare bene il colore, formare una palla e conservare l’impasto in luogo fresco per mezz’ora. Pasta-tricolore
  4. Preparare infine la pasta “rossa”. Mescolare tutti gli ingredienti assieme cercando di uniformare il colore rosso. Se dovesse risultare poco colorato aggiungere un po’ di concentrato di pomodoro. Conservare l’impasto in luogo fresco per 30 minuti. Pasta-tricolore
  5. Per ognuno degli impasti scegliere il formato di pasta preferito.
  6. Far seccare la pasta su un telo infarinato girando di tanto in tanto in modo da far prosciugare tutti i lati.
  7. Potete conservare la pasta per più giorni in barattoli chiusi.
  8. Per la cottura serviranno solo pochi minuti in abbondante acqua salata.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...