Carne/ Cucina regionale/ Toscana

Stracotto alla fiorentina

Stracotto alla fiorentina

Stracotto alla fiorentina

Lo stracotto alla fiorentina è un piatto della tradizione della città di Firenze. Per ottenere un buono stracotto serve un taglio di carne non inferiore al kg di peso e tanta pazienza 🙂 La cottura dello stracotto alla fiorentina deve infatti avvenire lentamente dopo una bella rosolatura della carne. Altrimenti (come dice il nome) che stracotto sarebbe?!

Ho assaggiato per la prima volta lo stracotto alla fiorentina poco tempo fa in una nota osteria di Firenze (L’brindellone) molto frequentata dai fiorentini (e questo la dice lunga sulla qualità del locale…). Se capitate a Firenze e volete assaggiare la “Toscana a tavola” vi consiglio di fermarvi qui per la vostra cena: troverete un ambiente semplice e accogliente, una buona cucina e un personale toscano-doc-dalla-battuta-sempre-pronta 🙂 A proposito del nome… il brindellone è il carro che viene usato per la tradizionale festa della domenica di Pasqua, ma anche un appellativo che si dà ai ragazzi sfaticati o a un ragazzo particolarmente alto e magro. Per non parlare dei modi di dire… che ovviamente si sprecano…

“Oh i’tu figliolo icchè gl’ha fatto? L’ho visto l’era piccino, guarda che brindellone l’è diventaho!!!”

“Va’ via va’ via brindellone! Va’ a studia’ un pohino, sennò tu vai a lavorà a settembre”

5 da 6 voti
Stracotto alla fiorentina
Preparazione
30 min
Cottura
4 h
Tempo totale
4 h 30 min
 
Lo Stracotto alla fiorentina è un piatto che si prepara in occasioni particolari. Richiede una cottura lunga e lenta (indispensabile il coccio toscano). Lo stracotto alla fiorentina si può assaggiare nelle osterie tipiche della città.
Piatto: Secondo piatto
Cucina: Italiana
Porzioni: 6
Autore: Tommy
Ingredienti
  • 1 kg di sorra girello di spalla
  • 1 cipolla
  • 3 carote
  • coste di sedano
  • 5 pomodori
  • 2 bicchieri di Chianti
  • sale
  • pepe
  • rosmarino
  • olio evo
  • 1 spicchio d'aglio
Istruzioni
  1. Preparate un soffritto di cipolla e aglio e dopo qualche minuto mettete la carne a rosolare. Cuocete per 15 minuti girando spesso la carne in modo da cuocerla da tutti i lati.
  2. Aggiungete il sedano e le carote lavate e tagliate a piccoli pezzetti. Cuocete per altri 15 minuti poi aggiungete il vino rosso.
  3. Continuate la cottura per altri 30 minuti continuando a girare spesso la carne. Aggiungete i pomodori tagliati grossolanamente (se volete togliete i semi e la buccia scottandoli per 30'' in acqua bollente). Fate insaporite.
    Stracotto alla fiorentina
  4. Aggiungete un bicchiere d'acqua, alzate la fiamma e portate a ebollizione. A questo punto abbassate la fiamma al minimo e cuocete per 2 o 3 ore girando la carne di tanto in tanto. Se la carne dovesse asciugarsi troppo aggiungete acqua (oppure brodo).
    Stracotto alla fiorentina
  5. Al termine della cottura, passate le verdure dal passaverdure, tagliate lo stracotto alla fiorentina a fette spesse e servite con la salsa. Se lo desiderate accompagnate lo stracotto alla fiorentina con una purea di patate.
    piatto di Stracotto alla fiorentina

Con questa classicissima ricetta fiorentina partecipiamo al contest Sapori d’Italia: ricette regionali e cucina tipica tradizionale organizzato dal blog A Fuoco Lento

Contest Sapori d'Italia

Potrebbe interessarti

28 Commenti

  • RIspondi
    afuocolento
    06/09/2013 at 16:52

    Ciao, volevamo avvisarvi che è partito il nuovo contest di ricette a base di latticini e formaggi L’ArTTE IN CUCINA organizzato da “A FUOCO LENTO – l’appetito vien mangiando!”
    Ecco il link per partecipare >> http://www.afuocolento.net/lartte-in-cucina-il-nuovo-contest-di-a-fuoco-lento/

    • RIspondi
      Ilaria
      06/11/2013 at 22:13

      Grazie per avercelo segnalato, cercheremo di partecipare. Passo subito a leggermi le regole… 🙂

  • RIspondi
    speedy70
    04/11/2013 at 15:59

    Ilaria, questo stracotto è una meraviglia, davvero splendido!!!!

  • RIspondi
    SimoCuriosa
    04/11/2013 at 10:27

    mmmm che profumino…non lo cucino , come dici tu troppa pazienza e io ne ho poca e poco tempo, ma…che bontà!
    ovvia su qualche volta che vado a trovare i miei li porto a cena in questa osteria….ora vado a vedere dove si trova però!
    buona giornata e buon we (mi anticipo)

    • RIspondi
      Tommy
      04/11/2013 at 20:36

      Ma sì, dai! Vedrai che ti troverai bene da L’brindellone!

  • RIspondi
    vickyart
    04/11/2013 at 00:17

    la cottura lenta e in coccio lo renderà sicuramente favoloso! mi piacerebbe provarlo 🙂

    • RIspondi
      Tommy
      04/11/2013 at 20:35

      Adoro le cotture lente, mi piacciono troppo stufati, stracotti e spezzatini!!!

  • RIspondi
    carla emilia
    04/10/2013 at 22:28

    Ciao ragazzi, siete stati bravissimi con questa ricetta, davvero una specialità! Un bacione a tutti e due e a presto

    • RIspondi
      Tommy
      04/11/2013 at 20:31

      Ciao carissima! Grazie di cuore!

      Ti auguro una buona serata 🙂

  • RIspondi
    simo
    04/10/2013 at 21:52

    piuttosto che un dolce…beh cento volte lo stracotto, adoro gli umidi in tutte le versioni possibili!!!!!!!!!!
    Sarò normale?!
    bacioni!

    • RIspondi
      Ilaria
      04/10/2013 at 22:21

      Bhè… tra lo stracotto e un dolce io mangio il dolce, ma non faccio testo perché sono una golosona di prim’ordine. Comunque questo stracotto era davvero buono.

  • RIspondi
    Le Ricette di Tina
    04/10/2013 at 21:28

    Ciao ragazzi mai fatto ma ha un aspetto deliziosissimo!Che bel dialetto il fiorentino mi fa morire hihihi..ciaoo

    • RIspondi
      Ilaria
      04/10/2013 at 22:24

      E’ un dialetto non dialetto… abbiamo la fortuna di poterlo parlare spacciandolo per italiano… 🙂 Fortuna che Dante nacque a Firenze!!!
      Un bacio.

  • RIspondi
    Raffy
    04/10/2013 at 13:48

    lo voglioooooooooooo!!! che goduria per il palato…

    • RIspondi
      Tommy
      04/10/2013 at 18:33

      Lo avessi stasera per cena sarebbe il massimo anche per me!!!!

  • RIspondi
    ombretta
    04/10/2013 at 12:42

    Il ristorante me lo sono segnato:) adoro la Toscana ed e’ da un po’ che non ci facciamo un giro:)
    Lo stracotto l avevo assaggiato ed e’ davvero molto buono e tenerissimo!!!
    Un bacione

    • RIspondi
      Ilaria
      04/10/2013 at 13:48

      Siamo rimasti sorpresi anche dal prezzo… davvero economico, con quella cifra non si mangia in nessun altro posto a Firenze con la stessa qualità. Vale veramente la pena andarci.
      Dai, magari se capiti a Firenze ci facciamo una scorpacciata insieme… 🙂
      Un bacio.

  • RIspondi
    simona
    04/10/2013 at 11:46

    Buongiorno Ilaria:* ecco io per questo tipo di preparazioni sono un pò restia a cimentarmi.. stracotti, brasati e co … più che altro perchè ho la sensazione poi dimmi se mi sbaglio, che la carne da firenze in su è nettamente superiore… ad esempio se un brasato lo gusto da mio suocero in piemonte è un’altra storia.. per quanto esegua alla perfezione la sua ricetta con annessi tempi di cottura e mi affidi al mio macellaio di fiducia per la scelta della carne… c’è sempre qualcosa che non mi convince, non ritrovo quel gusto di carne che invece c’è da lui.. stessa storia per la carne di cavallo… un pò come quando a Milano cerchi la mozzarella di bufala di Aversa… per intenderci… 🙂 complimenti per questa preparazione! sei stata bravissima:*

    • RIspondi
      Tommy
      04/10/2013 at 18:33

      Spesso dipende dalla mano che cucina. Il sugo di carne come lo fa mia nonna io non riesco a farlo. Eppure faccio gli stessi passi, uso la stessa carne… ma a lei viene più buono 🙂

  • RIspondi
    Claudia
    04/10/2013 at 11:44

    E’ tippo la cottura del brasato.. lenta e lunga!! Ammazza che risultato.. con il Chianti!! deve essere ottimo! bacioni

    • RIspondi
      Ilaria
      04/10/2013 at 13:45

      Sì, effettivamente è una cottura molto simile a quella del brasato. E anche il risultato finale gli assomiglia molto. Forse è solo una questione di nomi… 🙂

  • RIspondi
    elisabetta pendola
    04/10/2013 at 10:07

    mi ricorda la mia nonninaaaaaa!!!! :*

    • RIspondi
      Ilaria
      04/10/2013 at 13:44

      Anche a me le ricette della tradizione fanno sempre venire in mente le nonne. Loro sì che la sapevano lunga in cucina… 😉

  • RIspondi
    elena
    04/10/2013 at 09:48

    te si che non sei una brindellona!!! ammazza che piattino che ci hai preparato!!! e l’è bono di nulla!!!

    • RIspondi
      Ilaria
      04/10/2013 at 13:43

      E (purtroppo) non lo sono neanche per l’altezza… mi mancano un bel po’ di centimetri per essere anche solo una mezza brindellona… 😀

  • RIspondi
    afuocolento
    04/10/2013 at 09:42

    pubblicata sul sito e anche sulla nostra pagina facebook

    STRACOTTO ALLA FIORENTINA partecipa al concorso SAPORI D’ITALIA by AFUOCOLENTO – l’appetito vien mangiando

    https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=429375040490048&id=403315883073924&notif_t=notify_me

    • RIspondi
      Ilaria
      04/10/2013 at 13:42

      Grazie per averci aggiunti alla lista delle ricette partecipanti!!

    Lascia un commento