Antipasti/ Pesce/ Secondi piatti

Insalata di palamite

Insalata di palamite

Alessandro spaccia-pesce è tornato da poco da una delle sue battute di pesca. Ci ha regalato un paio di palamite appena pescate che rapidamente abbiamo cucinato.

La palamita, come il tonno fresco, si presta a numerose preparazioni. Ha una carne molto saporita e gustosa, è eccellente cotta alla brace, in umido oppure lessata.

 

Ingredienti per 8 persone

1 palamita (quella che avevamo era circa 4 kg, in genere in pescheria si trovano di 2 kg)
1 costa di sedano
1 carota
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
1 pomodoro 
prezzemolo
50 gr di olive nere dolci
10 pomodori secchi
30 gr di capperi
limone non trattato

origano
sale
pepe 
olio evo 

 

Preparazione

1. Togliete la testa alla palamita e lessate il pesce in abbondante acqua salata assieme al pomodoro, al sedano, alla carota, alla cipolla, all’aglio e a metà prezzemolo.

2. Cuocete per 45 minuti almeno a fuoco basso/moderato, altrimenti la carne si può sciupare durante l’ebollizione. Il pesce deve essere ben cotto all’interno (verificate che la carne più interna sia cotta). Per pesci più piccoli diminuite i tempi di cottura.

3. Freddate leggermente sotto l’acqua correte, togliete la pelle e tutte le lische. Tagliate il pesce a pezzetti e condite con la scorza del limone tritata, i pomodori e le olive spezzettate, l’origano, il succo di limone, i capperi e il prezzemolo rimasto. Aggiustate di sale, olio e pepe. 

You Might Also Like

14 Comments

  • Reply
    manu e silvia
    08/18/2011 at 10:39

    le palamite sono un tipo di pesce che non abbiamo mai assaggiato, ci sembra molto simile al tonno come consistenza.
    Bella e ricca la tua insalata: un bel piatto estivo e che fà gola!
    baci baci

    • Reply
      Tommy
      08/18/2011 at 10:41

      Ciao! Sì è vero, sono molto simili al tonno! Sono da provare anche alla brace.

  • Reply
    Stefania
    08/18/2011 at 12:17

    io pensavo che le palamite fossero le sarde. Il condimento è ottimo, credi si possa adattare anche ai tranci di spada?
    Un abbraccio e buona giornata

    • Reply
      Tommy
      08/18/2011 at 14:05

      E’ vero, il nome scientifico è sarda sarda. Secondo me il condimento va bene anche con i tranci di pesce spada, ottima idea! Se lo provi mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi!

      A presto

  • Reply
    CarlottaD
    08/18/2011 at 14:22

    Ho 2 curiosità: perchè ci hai messo il pomodoro nell’acqua salata? 45 minuti di cottura non erano troppi? Grazie

    • Reply
      Tommy
      08/18/2011 at 14:30

      Ciao, la palamita è lessata assieme agli odori (pomodoro, sedano, carota, cipolla, aglio e prezzemolo). Devono essere messi tutti assieme.
      Hai ragione riguardo al tempo di cottura, non sono stato molto preciso. In verità dipende dalla dimensione della palamita. Quella che avevo io era circa 4 kg (con la testa) e per cuocere intera (a fuoco moderato) ha bisogno di tempo. Si rischia di avere la carne cruda vicino allo scheletro. E’ anche vero che non ho usato tutta la palamita per la ricetta, anche se lo scarto dopo la cottura è tanto.
      Correggo subito la ricetta, grazie!

  • Reply
    Le Ricette di Tina
    08/18/2011 at 16:49

    Mai provato questo tipo di pesce devo rimediare 🙂 buon pomeriggio!!

    • Reply
      Ilaria
      08/18/2011 at 17:28

      Noi abbiamo mio cugino che ogni tanto va a pescarle direttamente in pieno Adriatico e quindi Tommy ha cercato dei modi appetitosi per cucinarle (io non sono capace di cucinare il pesce… 🙁 ).
      Buona giornata anche a te cara.

  • Reply
    Le Rocher
    08/18/2011 at 18:28

    Molto stuzzicante questo piatto!

    • Reply
      Ilaria
      08/18/2011 at 21:36

      Grazie per la visita. Buona serata.

  • Reply
    Chiara
    08/18/2011 at 22:49

    mi piace l’idea, molto originale!Un bacione…

    • Reply
      Ilaria
      08/19/2011 at 08:13

      Ciao Chiara… è anche molto buona… Un bacio!!

  • Reply
    Le Ricette di Tina
    08/19/2011 at 08:28

    Buongiorno e buon w.e.

    • Reply
      Tommy
      08/19/2011 at 08:29

      Grazie Tina, anche a te!

    Leave a Reply