Cucina regionale/ Pesce/ Secondi piatti/ Toscana

Polpo in galera

Polpo in galera

Polpo in galera

Il polpo in galera è la nostra proposta per questo nuovo appuntamento dell’Italia nel piatto, la nostra rubrica mensile di ricette regionali. Il tema che ci accompagna in questo appuntamento è il pesce… un argomento tipicamente estivo, no? E visto che le temperature sono finalmente estive (ma quanto le abbiamo aspettate quest’anno!!) i piatti a base di pesce si adattano perfettamente.
Il polpo in galera è un piatto tipico dell’Isola d’Elba. E’ molto semplice da preparare, ma richiede una cottura lunga e lenta. In questo modo la carne rimane morbida e il polpo assorbe tutti i profumi. Sembra che il nome del piatto, polpo in galera, derivi proprio dal metodo di cottura: il polpo deve infatti rimanere “imprigionato” all’interno della pentola coperta (tanto è vero che in origine venivano messi anche dei pesi sul coperchio per evitare che con il vapore potesse sollevarsi). Più in trappola di così…

Polpo in galera

“Tanto s’un tenti te, tentan tant’artri.”
(“Tanto se non tenti tu, tenterà qualcun altro”. Per la serie… ogni lasciata è persa!)

“Quando l’acqua tocca il culo s’impara a nuotare.”
(Mi sa che allora io son troppo alta… il che l’è tutto dire! 🙂 )

4.91 da 20 voti
Polpo in galera
Polpo in galera
Preparazione
15 min
Cottura
50 min
Tempo totale
1 h 5 min
 
Il polpo in galera è un tipo piatto dell'Isola d'Elba. E' molto semplice da preparare e anche se i tempi di cottura sono lunghi ci vogliono poche attenzioni.
Piatto: Secondo piatto
Cucina: Italiana
Porzioni: 4
Autore: Tommy
Ingredienti
  • 2 polpi di scoglio piccoli
  • 2 spicchi d'aglio
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 2 limoni
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • olio evo
  • sale
  • pepe
Istruzioni
  1. Pulite bene i polpi, lavateli e asciugateli.
  2. In una casseruola fate rosolare l'aglio e una parte del prezzemolo tritati fine in sei cucchiai di olio extra vergine d'oliva. Quando l'aglio comincia a imbiondire aggiungere i polpi interi. Salate, pepate e bagnate con il vino bianco.
  3. Coprite la casseruola con un coperchio e fate cuocere per una quarantina di minuti controllando di tanto in tanto la cottura: se dovesse essere necessario aggiungete dell'acqua calda.
    Polpo in galera
  4. A fine cottura unite il succo di un limone strizzato e la parte rimanente del prezzemolo tritato. Cuocete per altri 5 minuti.
  5. Servite i polpi ben caldi cospargendoli con la salsa di cottura e accompagnateli con fettine di limone per guarnire. Se preferite, togliete la pelle, tagliate i polpi in due parti oppure a pezzetti piccoli.
    Polpo in galera

Ma andiamo subito a vedere cosa hanno preparato le nostre amiche (purtroppo per questo appuntamento mancheranno la Basilicata e la Sardegna). Bene, allacciate le cinture, si parte alla scoperta dei sapori delle nostre regioni…

VALLE D’AOSTA: Scaloppa di trota alle erbe di L’Appetito Vien Mangiando
PIEMONTE
: Acciughe al verde di La Casa di Artù
LOMBARDIA: Antipasto di verdure e tonno di Le Delizie della mia Cucina
TRENTINO ALTO ADIGE: Trota alle mele della Val di Non di A Fiamma Dolce
VENETO: Sarde in saor di Le Tenerezze di Ely
FRIULI VENEZIA GIULIA: Risotto con granzoporo di Nuvole di Farina
EMILIA ROMAGNA: Spiedini di pesce alla romagnola di Zibaldone Culinario
LIGURIA: Baccalà pin di Un’Arbanella di Basilico
TOSCANA: Polpo in galera di Non Solo Piccante
UMBRIA: Trota in salsa verde di 2 Amiche in Cucina
MARCHE: Canocchie con la peperonata di La Creatività e i suoi Colori
ABRUZZO: Antipasto marinato di In Cucina da Eva
MOLISE: Tagliolini alla termolese di La Cucina di mamma Loredana
LAZIO: Bucatini con le telline e “fritto de paranza” di Chez Entity
CAMPANIA: Alici arreganate di Le Ricette di Tina
PUGLIA: Frittura di paranza di Breakfast di Donaflor
CALABRIA: Pesce spada alla ghiotta di Io Cucino Così
SICILIA: Involtini di pesce spada alla messinese di Cucina che ti Passa

Vincitrice dello scorso mese è stato il blog Pasta e non solo (rappresentante della Calabria), che ha vinto riproponendo la ricetta di Donaflor delle Orecchiette rucola e pomodorini. La sua proposta per la rubrica di questo mese è Bucatini con lo stocco.

Se volete partecipare al nostro contest riproponendo una delle ricette di questa uscita venite a visitare la nostra pagina facebook per il regolamento! Avete tempo fino al prossimo 7 luglio…

Italia nel piatto

Potrebbe interessarti

52 Commenti

  • RIspondi
    Cucina che ti passa - Rumi-
    07/01/2013 at 18:30

    Caro Tommy ma WOOOW!!
    sarà in galera ma io lo libereri più che volentieri, per poi rinchiuderlo nel mio stomaco però!
    Bravissimo davvero!!
    ps: scusa per il ritardo nel passare!!

    • RIspondi
      Ilaria
      07/09/2013 at 23:00

      Tesoro, non ti preoccupare, questo periodo è complicato per tutti.
      Dalla “galera” con gusto! 🙂

  • RIspondi
    Bucatini con lo stocco ( Bucatini cu u stoccu ) per L’Italia nel Piatto Special Guest Giugno | Food Blogger Mania
    06/27/2013 at 11:26

    […] – Spiedini di pesce alla romagnola Liguria – baccalà pin Toscana – Polpo in galera Umbria – Trota in salsa verde Marche – Canocchie con la […]

  • RIspondi
    Yrma
    06/24/2013 at 15:23

    E che dire di questa galera….ahhhh fossero tutte così mi farei imprigionare 😀 E’ divino e a me sconosciuto! Ho sbirciato anche il delizioso gelato che avete pubblicato…ecco, c’è anche il dessert..meglio di cosi! 😛
    Un abbraccio ragazzi, siete sempre grandiosi!

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:22

      Meglio non farsi mancare nulla… anche perché se proprio dobbiamo essere “incarcerati” allora meglio finire a bocca dolce con un bel gelato… 🙂
      Un bacio carissima Yrma.

  • RIspondi
    elena
    06/24/2013 at 13:28

    mai fatto devo provarlo a fare mi incuriosisce tantissimo

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:21

      E’ un piatto davvero molto buono che rifaremo presto, anzi prestissimo! 🙂

  • RIspondi
    Carla
    06/24/2013 at 10:34

    Tommy e Ilaria
    Un bacione

  • RIspondi
    Emanuela
    06/24/2013 at 10:31

    Conosco questa ricetta ma non l’ho mai cucinata! …dev’essere di un buono!!! 🙂
    Buona settimana ragazzi!

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:20

      Anche per noi è stato il primo assaggio nonostante ne avessimo già sentito parlare più volte. Anche se ammetto che non è un piatto famosissimo come altri… ma ti assicuro che merita davvero la prova.
      Buona settimana anche a te. Qui per fortuna è cominciata con un giorno di festa visto che oggi è il patrono di Firenze… Peccato solo che stia piovendo…

  • RIspondi
    marinella
    06/24/2013 at 09:32

    mi piace il titolo e soprattutto il piatto… da leccarsi i baffi !!!

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:18

      Il nome del piatto è davvero molto curioso… ci ha colpiti e convinti subito alla prova!

  • RIspondi
    elena
    06/24/2013 at 08:22

    questo polpo è davvero molto molto invitante… complimenti

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:17

      Grazie mille. E’ andato a ruba… sarà per questo che viene detto “in galera”… 🙂

  • RIspondi
    Cinzia
    06/23/2013 at 17:25

    Una ricetta golosissima!!! Complimenti!! Bellissima presentazione e sicuramente una bontà da gustare!!! un forte abbraccio e perdonate la latitanza

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:16

      Tesoro, sei tornata??? Aspettiamo la tua ricetta, che sarà meravigliosa come sempre.
      Un bacio.

  • RIspondi
    Renata
    06/23/2013 at 14:23

    Sarà pure passato dalla galera
    ma l’aspetto è divinooooooooo
    Complimenti!!!!!
    Una ricetta Estiva perfetta e golosissima!!!!!!!
    Un bacio

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:16

      Era un bel ricercato, ma lo abbiamo catturato e non ce lo siamo fatto più scappare… 🙂
      Un piatto davvero consigliabile.
      Un bacio anche a te tesoro.

  • RIspondi
    Zenzero Blu
    06/23/2013 at 07:31

    Un piatto bello da vedere e buonissimo da mangiare, complimenti alla cuoca!!

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:15

      Tutto merito del cuoco… bisogna proprio dirlo!! 🙂

  • RIspondi
    carla emilia
    06/21/2013 at 22:10

    Ciao ragazzi, questo polpo è una delizia, e la sua morbidezza si indovina dalle foto! Bacioni

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:14

      Effettivamente una delle qualità che abbiamo più esaltato in questo piatto è stata proprio la sua morbidezza… e con la lunga cottura non avrebbe potuto essere altrimenti… 🙂

  • RIspondi
    Ginger
    06/21/2013 at 19:41

    Gnam Gnam!!!!!!

  • RIspondi
    Raffy
    06/21/2013 at 11:06

    è pazzesco… lo proverò sicuramente, a casa mia il polpo è molto gradito!!

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:13

      Il polpo va sempre per la maggiore… piace sempre a tutti!
      Un bacio.

  • RIspondi
    loredana
    06/21/2013 at 09:39

    NOn sapevo si chiamasse così, ma lo adoro!!!
    Il polpo ha su di me un’attrazione incredibile, sarei capace di mangiarne quantità industriali…grazie per aver proposto questa ricetta!

    • RIspondi
      Ilaria
      06/24/2013 at 21:13

      Ne avevamo sempre sentito parlare di questo, ma nessuno di noi lo aveva mai assaggiato prima. Grazie a questa rubrica ci siamo fatti tentare dalla scoperta e devo dire che è piaciuto tantissimo a tutti i nostri ospiti. Lo rifaremo sicuramente.

  • RIspondi
    elena
    06/20/2013 at 22:32

    davvero molto saporito, che voglia di provarlo, il polpo fa impazzire mio figlio! Bravissi!mi e complimenti

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:40

      Anche mia figlia ha gradito … decisamente 🙂
      Un abbraccio!

  • RIspondi
    Celeste
    06/20/2013 at 22:25

    Booono!! Ma quanto mi piace… ma ci credi non son mai stata all’Elba? Bisogna che rimedi, è così vicina. E quel detto mi fa schiantare, io son alta è per questo che nuoto così male! Bacini

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:39

      Ah ah ah ah !! Non andare all’Isola d’Elba nel mese di Agosto… ci sono troppi turisti! Meglio giugno!
      Pensa, Ilaria è piccolina… e non nuota ancora 🙂

      • RIspondi
        Ilaria
        06/21/2013 at 13:52

        Ueh, ciccio!!!! Che c’hai contro le persone “piccoline”???? Che poi non si chiamano così… si dicono “bassine”… 🙂

  • RIspondi
    rosalba
    06/20/2013 at 17:54

    quanto mi manca il polpo è da molto che non lo mangio e chissà se riuscirò più a gustarlo, ma ne ricordo il profumo e “galeotto” mi stuzzica ancor più l’appetito 🙂 Bacio

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:37

      Ti auguro di poterlo mangiare al più presto!
      Un abbraccio

  • RIspondi
    batù
    06/20/2013 at 17:05

    lo adoro, davvero! e la spiegazione è perfetta! 10 e lode 🙂

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:36

      Grazie! Anche io adoro il polpo. Come se non bastasse ho preparato anche il polpo alla piombinese: presto pubblicheremo!

  • RIspondi
    Mimma Morana
    06/20/2013 at 15:01

    che bonta’!!!!! e che belle foto!!! complimenti!!!

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:34

      Ciao!
      Il polpo è uno dei miei pesci preferiti e cucinato così, semplicemente, è veramente una delizia.
      A presto

  • RIspondi
    In cucina da Eva
    06/20/2013 at 12:05

    ma che belle foto! complimenti! è molto invitante!!

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:33

      Grazie carissima!
      Un abbraccio e a presto!

  • RIspondi
    2 amiche in cucina
    06/20/2013 at 11:15

    mi piace l’origine del nome, ricetta semplice e buonissima, a presto

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:32

      In genere non amo il pesce cucinato in maniera troppo elaborata. Questa ricetta molto semplice e la cottura lenta e prolungata lasciano la carne morbida e profumata!
      A presto

  • RIspondi
    artù
    06/20/2013 at 11:15

    Molto piacevole questo tipo di cottura e vi confesso che il titolo mi aveva incuriosito tantissimo…..simpatico davvero!!!!

    grazie come sempre per le vostre ricette precise e foto meravigliose!

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:30

      Effettivamente il titolo è curioso… d’altra parte l’ironia fa parte della nostra indole 🙂
      Un abbraccione!!!

  • RIspondi
    Le Ricette di Tina
    06/20/2013 at 11:13

    Intrappolatissimo ahaahhaah,fantastico ha una bellissima “faccia”ragazzi ahahaha..un abbraccio

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:29

      Ah ah ah !!! Aveva anche un buon sapore 🙂
      Un abbraccio carissima!

  • RIspondi
    giovanna bianco
    06/20/2013 at 10:57

    Ricetta fantastica e che foto!!!! Complimenti!!!

  • RIspondi
    SimoCuriosa
    06/20/2013 at 10:15

    mm che bontà questa ricettina…
    non sapevo che si chiamasse così!
    bonoooooooooo speriamo di fare una capatina all’Elba quest’estate… mi manca! troppo bella!
    un bacione
    a presto
    simo

    • RIspondi
      Tommy
      06/20/2013 at 23:28

      Ma sai che non torno all’Isola d’Elba sono 12 anni??? Oddioooo … come passa il tempo!!

    Lascia un commento