Liquore cioccolato e peperoncino

In questa ricetta andremo a preparare un gustosissimo (e piccantissimo) liquore al cioccolato e peperoncino. L’uso di questi due ingredienti in cucina è noto fin dai tempi antichi. Sembra che il primo popolo ad accostarli sia stato quello azteco: erano infatti soliti preparare una bevanda a base di acqua, cioccolato e peperoncino dal grande valore rituale e simbolico.

Gli storici affermano che “il cacao aveva un grandissimo valore simbolico. Si trattava di un lusso raro, essendo un prodotto che andava importato non crescendo sul suolo dell’impero azteco […] Il cacao veniva spesso bevuto sotto forma di xocoatl (‘acqua amara’, termine da cui deriva la parola cioccolato) e rappresentava la bevanda di guerrieri e nobili. Era considerata così inebriante da dover essere bevuta con grande solennità e serietà” (http://it.wikipedia.org/wiki/Cucina_azteca)

Sappiamo inoltre che gli Aztechi erano dei grandissimi consumatori di spezie, soprattutto “il peperoncino, disponibile in molte specie, alcune selvatiche altre coltivate. I vari tipi differivano per il grado di piccantezza che dipendeva dalla quantità di capsaicina presente. I peperoncini venivano spesso essiccati e pestati per la conservazione e l’uso in cucina, a volte arrostiti per variarne il gusto. Il sapore dipendeva dalla specie, passando dal dolce al fruttato, dall’affumicato al molto piccante“. (http://it.wikipedia.org/wiki/Cucina_azteca)

Sappiamo con certezza che gli Aztechi facevano uso di bevande alcoliche, ottenute tramite la fermentazione di mais, miele, ananas, frutti del cactus, ma non è chiaro se ci fosse l’usanza di unire alcol, cioccolato e peperoncino.

Noi prepareremo una “variante” moderna del liquore che probabilmente si discosta abbastanza dalla ricetta originale.

Ingredienti per circa 1,5 lt di liquore

500 ml di alcol alimentare puro
3/4 peperoncini freschi piccanti
900 ml di acqua
300 gr di cacao amaro in polvere di ottima qualità
500 gr di zucchero
Chiodi di garofano
Cannella
1 baccello di vaniglia

Preparazione ricetta liquore al cioccolato e peperoncino

Scegliete i peperoncini. Generalmente utilizzo un paio di Habanero chocolate e un Carribean Red. Quest’anno credo di aver esagerato perché ho dato un rinforzino aggiungendo un  Naga Morich … diavolo quanto brucia! Prendete solo frutti maturi e sani. Controllate che non abbiano muffa e che i semi al loro interno siano intatti. Lavate i peperoncini e asciugateli.Togliete il picciolo, divideteli in due e metteteli in una caraffa assieme all’alcol e alle spezie (chiodi di garofano, cannella, vaniglia). Chiudere ermeticamente e riporre al buio per 30 gg.

Ogni giorno capovolgete la caraffa un paio di volte facendo attenzione che non rimangano pezzetti di peperoncini sotto il tappo o non sommersi dall’alcol. Eventualmente aprite la caraffa e annusate l’odore irresistibile che emana, ma attenzione, vi sconsiglio di assaggiarlo: l’alcol alimentare puro è FORTISSIMO (ha 90°) e non dovrebbe essere consumato senza diluizione.

Trascorsi i 30 gg (lo so che non avete resistito e che avete assaggiato l’infuso mandando mille imprecazioni!) è giunto il momento di iniziare la seconda fase.

Se avete difficoltà in cucina, fatevi pure aiutare … eh eh eh! Una presenza femminile, in genere, può scongiurare il pericolo di crisi familiari e di incendi. Inoltre vi aiuterà a trovare senza difficoltà mestoli, colini, pentole e ingredienti.

In una pentola abbastanza capiente scaldare 500 ml d’acqua e portarla quasi ad ebollizione. Lentamente aggiungere la polvere di cacao setacciandola e stemperando via via.

Aggiungere lo zucchero. Cuocere a fuoco basso mescolando continuamente fin quando il composto non risulta abbastanza denso (e lo zucchero completamente sciolto). Far intiepidire e aggiungere i 400 ml di acqua restanti.

Quanto il composto risulta completamente freddo, aggiungete l’alcol aromatizzato avendo cura di rimuovere spezie e peperoncini. Se il risultato finale vi sembra troppo denso o troppo alcolico, aggiungete un po’ di acqua tiepida eventualmente zuccherata. Se vi sembra troppo piccante … pazienza 🙂 Imbottigliare (o meglio ancora mettere in una caraffa dal collo largo) e far maturate al buio per 30 gg (se ci riuscite …).

Consumate pure … e fatemi sapere. Ah, dimenticavo. I peperoncini tenuti sotto spirito che avete tolto dall’infusione possono essere usati per accompagnare il liquore.

Conservateli in frigo (resistono alcuni giorni) oppure immersi in una miscela composta dal 50% di alcol e dal 50% di acqua.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...