Luce dura e morbida

Conoscere la luce è di fondamentale importanza per poter realizzare foto attraenti. Cominciamo col dividere la luce in due categorie: luce “dura” e luce “morbida” o “diffusa”. Possiamo affermare che la durezza e la morbidezza della luce sono determinate dalla dimensione della sorgente luminosa in rapporto al soggetto. Una sorgente piccola fornisce luce dura; le ombre nette, scure e ben contrastate doneranno alle vostre foto un tono drammatico.

Liquore alla melagrana - Luce dura

Invece una sorgente grande fornisce luce morbida o diffusa, minor contrasto e ombre poco distinte donando alle vostre foto un senso di morbidezza e delicatezza.

Un esempio di luce dura è chiaramente rappresentato dalla luce diurna nell’ora di mezzogiorno oppure la luce emessa da un faretto alogeno. Provate a scattare una foto in una giornata di sole e vi accorgerete di quanto le ombre sono nette e il contrasto elevato. Un esempio di luce morbida può essere la luce del sole durante le giornate nuvolose, perché le nubi aumentano la “dimensione” della sorgente luminosa rispetto al soggetto fotografato, fornendo luce diffusa e addolcita.

Generalmente non fotografiamo i nostri piatti all’aperto ma all’interno di un’abitazione, per questo motivo dobbiamo rapportare queste considerazioni al nostro ambiente domestico. Spesso, quando il lavoro e la stagione lo permettono, fotografo i nostri piatti nelle vicinanze di una grande finestra molto luminosa, però se non prendo nessun accorgimento, la luce dura che proviene dalla mia destra illuminerà il piatto creando ombre molto marcate e un elevato contrasto generale. Diciamo che questa non è la situazione ideale per fotografare i nostri piatti, a meno che non vogliamo donare un tocco di drammaticità ai nostri scatti, come nella foto sotto.

Melagrane

Se le ombre sono troppo marcate, per rimediare a questo inconveniente ricorro a un semplice trucco molto economico: copro la finestra con un lenzuolo di cotone bianco. In questo modo ottengo una luce diffusa e morbida molto adatta a illuminare il nostro piatto di maccheroni fumanti. 

Anche se utilizziamo una luce diffusa proveniente da un lato (supponiamo da destra), dobbiamo tenere presente che si formeranno delle ombre sul lato sinistro della foto. Non sono assolutamente belle e vanno ridotte. Anche qui basta un pizzico di ingegno: procuratevi un pezzo di cartone (io ho usato gli incarti delle pizze da asporto!), un rotolo di alluminio da cucina, del nastro adesivo e un paio di mollette.

Pannelli alluminio

Ritagliate alcuni rettangoli di cartone di varie dimensioni (diciamo 30X40, 40X50, 50X60 ), rivestiteli di alluminio, fermate con il nastro adesivo ed ecco che avrete a disposizione i vostri bellissimi pannelli riflettenti a costo zero (o quasi). Aiutandovi con le pinzette che userete come piedini, posizionate i pannelli sul lato opposto alla sorgente luminosa e osservate come migliorano le cose.

L’utilizzo di pannelli riflettenti aumenterà la luminosità della foto donando un aspetto più attraente alla foto, come si può vedere sotto.

La foto a sinistra è fatta con luce naturale e senza pannelli riflettenti. La foto a destra, invece, è stata realizzata con l’ausilio di pannelli riflettenti (cliccate sull’immagine per ingrandire e noterete la differenza).

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti

21 Comments

  1. artù
    22/11/2011 @ 13:08

    Grazie per la esuriente spiegazione….purtroppo a volte ci manca davvero il tempo per fare una bella foto…..ma così possiamo scoprire qualche “trucchetto”!!!

    Reply

    • Tommy
      22/11/2011 @ 22:38

      E’ vero… a me ne servirebbe almeno il doppio. Sono sempre di corsa…

      Reply

  2. Ann
    22/11/2011 @ 14:53

    Davvero molto utile 🙂

    Reply

  3. Rumi
    22/11/2011 @ 14:58

    Questi sono dei consigli utilissimi per chi, come me, non sa bene come riuscite ad ottenere foto tanto splendide degne di una rivista! Spero di riuscire a mettere in pratica i tuoi consigli!

    Reply

    • Tommy
      22/11/2011 @ 22:40

      E’ importante fare tante foto e provare più angolazioni, spostare i pannelli aggiustare le luci… vedrai che piano piano le cose miglioreranno. Certo, ci vorrebbero le belle giornate di sole …

      Reply

  4. Una cucina per Chiama
    22/11/2011 @ 16:34

    Oh, io ci provo con i pannelli riflettenti homemade! Speriamo bene, che mi tocca fare le foto di sera oggi! Grazie mille!

    Marco di Una cucina per Chiama

    Reply

    • Tommy
      22/11/2011 @ 22:42

      Eh sì… conviene provarci. Comunque la cosa fondamentale è avere una bella fonte di illuminazione. Purtroppo fare foto di sera non è il massimo e in genere le luci che abbiamo in casa non sono adatte. In bocca al lupo, facci sapere come è andata la prova 🙂

      Reply

      • Una cucina per Chiama
        23/11/2011 @ 13:17

        Cerco sempre di usare lampade al neon o al led per fare luce perché mi sembra che la luce sia più bianca e migliore. La foto che ho fatto per l’ultima ricetta sul blog l’ho fatta usando una lampada da entrambi i lati. Ma ora costruisco il ”pannello riflettente” 😀

        Marco di Una cucina per Chiama

        Reply

        • Tommy
          23/11/2011 @ 23:23

          Beh, dipende dai gusti. Io preferisco lampade ad emissione naturale (5600K circa) perché spesso non devo correggere le dominanti di colore.
          Cmq dipende da come ti trovi. Dai, fammi sapere come è andata!

          Tom

          Reply

  5. Vera
    22/11/2011 @ 19:51

    Grazie per questo post. Hai spiegato in maniera chiarissima i concetti. Stasera la pizza cade proprio a fagiolo, conservo le scatole e mi costruisco il pannello.

    Reply

    • Tommy
      22/11/2011 @ 22:44

      Prego, veramente! Mi fa piacere che queste informazioni risultino utili.

      Reply

  6. La cucina di Molly
    22/11/2011 @ 20:24

    Bellissima spiegazione da tenere in considerazione! Brava e grazie del consiglio! Ciao

    Reply

    • Tommy
      22/11/2011 @ 22:45

      Prego! Facci sapere come è andata!

      Reply

  7. Le Ricette di Tina
    23/11/2011 @ 07:38

    graziee proverò sicuramente!!!grazie mille!

    Reply

    • Tommy
      23/11/2011 @ 08:16

      Ciao Tina, buongiorno!!

      Spero possa esserti utile 🙂

      Reply

  8. grazia
    23/11/2011 @ 15:43

    notizie utilissime grazie x le spiegazioni esaurienti .
    p.s.:.io la differenza la noto anche senza ingrandire la foto …. 😉

    Reply

    • Tommy
      23/11/2011 @ 23:20

      Vero, ma se ingrandisci noterai quanti dettagli in più ci sono nella foto di destra!

      Reply

  9. Simonaskitchen
    17/12/2011 @ 14:29

    Grazie infinitamente di questi tutorials! Ho scoperto come poter fare per ridurre quelle ombre dalle mie foto! Attendo curiosa il prof! Simo

    Reply

    • Ilaria
      17/12/2011 @ 17:52

      Sono riuscita persino io a scattare delle foto decenti… tutti possono riuscirci allora. 🙂

      Reply

  10. flo
    26/01/2012 @ 00:22

    La vostra spiegazione è stata perfetta!! Io ho una casa che non è luminosa, anzi!! Ho sempre le luci accese…prenderò qualche faretto e mi costruirò il riflettore di luce.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *