Arista sotto sale al profumo di vino bianco e finocchietto selvatico

 Arista sotto sale

Domenica abbiamo avuto ospiti a pranzo, quindi era il momento di riaccendere il forno dopo la lunghissima pausa estiva. Cosa proporre di particolare, semplice e allo stesso tempo gustoso? In verità era da tanto tempo che volevo provare questo piatto: quale migliore occasione? Ho pure scongiurato il pericolosissimo e temibilissimo roast-beef-cotto-dodici-ore (a me piace la carne poco cotta, non si era capito…) che in certe occasioni aleggia per la tavola. Vade retro… 

Così, ho democraticamente deciso che per secondo avremmo servito arista al forno sotto sale. Tutti d’accordo, vero? Chi tace acconsente… e fuori dalla cucina.

“Ma non verrà salata?”. Beh, il dubbio è lecito ma la risposta è “No!”.

Non temete, la vostra carne cotta sotto sale non solo non sarà salata ma risulterà delicata, profumata grazie agli aromi e al vino bianco… e forse addirittura un po’ sciocca.

Ah, se volete provare questa ricetta, armatevi di martello e scalpellino per demolire la montagna di sale pietrificata sotto la quale si nasconde la vostra profumatissima arista!

Ingredienti per 6/8 persone

1,6 kg arista con osso
3/4 kg di sale grosso senza anti agglomeranti
2 spicchi d’aglio
2 mazzetti di finocchietto selvatico fresco 
1 rametto di rosmarino
1 bicchiere di vino bianco
pepe

Preparazione

1. Incidere l’arista fra costina e costina.

2. Praticare un taglio nel senso della lunghezza nella parte vicino all’osso e mettere dentro il finocchio, il rosmarino e l’aglio fatto a fettine.

3. In una ciotola a parte mettete il vino, una manciata abbondante di sale grosso, il mazzetto di finocchio rimasto spezzettato, l’altro aglio a fettine e distribuite sulla carne.

4. Pepe di mulinello e coprite interamente con il sale grosso, inumidite leggermente con un vaporizzatore il monte di sale e infornate per 2 ore a 190°.

5. Armatevi di martello e rompete il sale, estraete la carne, togliete l’osso, tagliate l’arista a fette e servite.

Con questa ricetta partecipiamo al contest [3° contest] RIACCENDIAMO IL FORNO indetto da About Food.

about food

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...