Crostini neri toscani

Crostini neri toscani

crostini neri toscani piatto

Non è facile parlare di crostini neri toscani.
Non è facile perché qui, in Toscana, ogni famiglia ha la ricetta dei crostini neri toscani che ritiene l’originale, la migliore…

Non è facile perché fra l’una e l’altra variano alcune cose, anche se alla fine tutte si assomigliamo, ma nessuna è uguale all’altra: chi mette un po’ di milza, chi li fa di solo fegato, chi con tanta salvia, chi mette un battuto di odori, chi la conserva, chi mezzo limone strizzato a cottura ultimata (come dice l’Artusi)…

Non è facile per me, perché sono toscano verace e come ogni toscanaccio irriverente ho la mia ricetta originale … la migliore forse.

crostini neri toscani sono poveri e rustici ma ricchi di gusto e di storia … vengono da molto lontano, affondano le loro radici nella tradizione contadina toscana, quando durante il periodo della battitura del grano, gli uomini lavoravano nei campi e le massaie cucinavano per tutti. Ed era gran festa trovare un piatto di crostini con pane raffermo ammorbidito nel brodo e un bicchiere di vino rosso.

Oggi trovate i crostini neri toscani in ogni ristorante, pizzeria o tavola imbandita e state pur certi che ogni volta troverete una ricetta diversa: a volte saranno chiari, a volte scuri, a volte macinati finissimi, altre volte più rustici e grossolani, ma sempre rigorosamente preparati con fegato di pollo.

La tradizione di alcuni luoghi vuole che il pane sia arrostito e bagnato con brodo di carne prima di essere spalmato con il sugo. Oggi questa usanza è meno diffusa e si preferisce usare pane fresco (la così detta frusta o sfilatino) spesso arrostito ma mai bagnato con il brodo.

Crostini neri toscani
 
Prep.
Cott.
Tot.
 
I crostini neri toscani sono forse la ricetta toscana più diffusa. Ogni famiglia ha la propria ricetta, tutte buone e tutte provenienti dalle proprie nonne.
Autore:
Tipo: Antipasto
Cucina: Italiana
Porzioni: 8
Ingredienti
  • 400 g di fegatini di pollo puliti
  • 100 g di milza
  • 5 acciughe sott'olio
  • 50 g di capperi sott'aceto
  • 1 spicchio d'aglio
  • ½ bicchiere di vino rosso
  • 5 foglie di salvia
  • 1 noce di burro
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • prezzemolo
  • brodo di carne q.b.
  • olio evo
  • sale
  • 2 sfilatini di pane
Istruzioni
  1. Ricoprite il fondo di una padella con un po' di olio di oliva e fate soffriggere l'aglio, la salvia, metà capperi e il prezzemolo tritato.
  2. Aggiungete i fegatini di pollo e lasciate cuocere a fuoco vivo girando di tanto in tanto fin quando non avranno preso un bel colore.
  3. Mettete il concentrato di pomodoro e bagnate il tutto con il vino rosso. Lasciate evaporare.
  4. Aggiungete la milza e continuare la cottura per 15/20 minuti circa bagnando con il brodo se necessario.
  5. Togliete dal fuoco e passate dal tritacarne assieme ai capperi rimasti e alle acciughe. Se volete ottenere un impasto più liscio e meno rustico, ripassate due o tre volte.
  6. Rimettete al fuoco aggiungendo del brodo. Cuocere a fuoco basso per altri 15 minuti e aggiustate di sale. A cottura ultimata, togliere dal fuoco e aggiungere una noce di burro.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...